Inserzionisti
E-mail
Password





Sei in: Home Page Informazioni sulla Sicilia LocalitÓ turistiche Vulcano e Lipari

Vulcano e Lipari

Stampa questa pagina Elenco: LocalitÓ turistiche

Isole Eolie - Le sette sorelle

LocalitÓ turistiche: Vulcano e Lipari

CENNI STORICI

Le isole Eolie furono abitate, presumibilmente da Siculi, fin dalla preistoria.
Ci inducono a tale asserzione i manufatti di epoca neolitica ed eneolitica rinvenuti, in gran copia, a Panarea, a Lipari, a Filicudi, a Sa­lina e a Stromboli.
Secondo una leggenda i primi colonizzatori dell'Arcipelago sarebbero stati invece abitanti dell'Italia meridionale capitanati da Liparo, mitico ecista, epònimo dell'isola maggiore.

Secondo altra leggenda l'Arcipelago sarebbe stato colonizzato, du­rante la guerra di Troia, da Eolo che avrebbe scelto come sede Lipari e, successivamente, Stromboli dove, fino al '600, come ci assicura il Campis, erano visibili ruderi di una reggia.
Passando dal mondo dei miti all'epoca storica, apprendiamo da Diodoro siculo che la colonizzazio­ne delle Eolie ebbe luogo tra il 588 e il 577 a.C. per opera di una colo­nia greca della 50a olimpiade costi­tuita da elementi di stirpe dorica di Cnido e Rodi, con a capo Pentatlo. Costoro, insediatisi in queste isole, per difendersi dalle continue scorrerie dei pirati fenici ed etruschi, al­lestirono una potente flotta riportan­do sempre brillanti successi, dopo i quali ricchi trofei veleggiavano ver­so Delfo.

Pare che gli stessi Liparesi, a lo­ro volta, esercitassero la pirateria e, in una loro azione, intercettassero un'offerta di alto valore che i Roma­ni inviavano a Delfo.
Se non che il magistrato di Lipa­ri, Timositeo, sembra abbia fatto re­stituire il bottino perchè raggiun­gesse la sua destinazione.

Nel 427 a.C., durante la prima spedizione ateniese in Sicilia, sot­to Lache, i Liparesi strinsero alleanza con i Siracusani, forse per la loro comune origine dorica. Subirono molti attacchi, come afferma Tucidide, da parte della flotta ateniese e reggina, ma senza gravi con­seguenze.
Nella spedizione cartaginese del 408-406 Lipari fu di nuovo in relazioni amichevoli con Siracusa. Venne perciò attaccata dal generale cartaginese Imilcone che, impradonitosi della città, estorse agli abitanti una indennità di 30 talenti. Partiti i Cartaginesi, Lipari tornò al pieno godimento della sua indipendenza.

Durante la dominazione di Dionisio il Vecchio, Lipari rimase a fianco di Siracusa e più tardi di Tindari.
Nel 304 l'isola venne aggredita da Agatocle che le impose un tributo di 50 talenti, perduto durante la tra­versata verso la Sicilia, per una procella attribuita alla collera di Eolo.

Successivamente Lipari cadde sotto il giogo cartaginese, nel quale si trovava quando scoppiò la prima guerra punica. Per i suoi eccellenti porti e per la sua posizione di alto valore strategico, l'Arcipelago divenne una delle migliori stazioni navali cartaginesi.
Nel 262 il console romano Cn. Cornelio Scipione, illudendosi di potersi impadronire agevolmente di Lipari, venne ivi bloccato da Anni­bale e catturato con tutta la sua squadra.
Nel 258 Attilio Calatino cingeva Lipari di assedio.
Nel 257 le acque delle Eolie fu­rono teatro d'una accanita battaglia tra la flotta cartaginese e quella romana.
L'Arcipelago cadeva sotto il dominio di Roma nel 252 per opera di C. Aurelio. Da allora godette di molta prosperità: vi fiorì l'industria dell'allume (che in quel tempo vi si estraeva in gran copia nell'isola di Vulcano) e fu molto frequentato per le eccellenti acque termali di Vulca­no e di Lipari.
All'inizio della seconda guerra cartaginese, nel 218, presso le spiagge di Lipari e di Vulcano, per una violenta procella, naufragò una squadra punica.
Nel 36 a.C., durante la guerra tra Ottaviano e Sesto Pompeo, le Eo­lie divennero di nuovo importanti stazioni navali. Lipari, in un primo momento, venne occupata e forti­ficata da Pompeo, ma, successivamente, fu conquistata da Agrippa, che fece ancorare la sua flotta nel­le insenature di Vulcano minacciando, come dice Appiano, le forze di Pompeo insediate a Milazzo e a Messina.

Sin dal 210, Lipari fece parte del­le civitates decumanae. Plinio la definì oppidum civium romanorum; si ignora però se si tratti di vera e propria colonia o municipio con pieni diritti.
La storia del Cristianesimo parla della veputa a Lipari di S. Calogero inviato da S. Pietro e dell'arrivo miracoloso del corpo di S. Bartolomeo, protettore delle Eolie.
Roberto I re di Napoli, nel 1340, si impadronì di Lipari.
Nel 1544 la città fu saccheggia­ta dal feroce corsaro Ariadeno Barbarossa, che portò via gl'infelici abitanti, come schiavi.

Lipari venne successivamente riedificata e ripopolata da Carlo V e da allora seguì le sorti della Sici­lia e del reame di Napoli.

 

MANIFESTAZIONI TERMALI

L'arcipelago eoliano è centro di attrazioni per il forestiero, non solo per l'accennata varietà delle sue bellezze naturali, ma anche per le sue acque termali di alto valore te­rapeutico. Tali manifestazioni po­stvulcaniche si riscontrano a Vulca­no, a Lipari e a Panarea. Soltanto a Lipari è uno stabilimento termale (S. Calogero); è da augurarsi che presto ne sorgano altri a Panarea e Vulcano, sede di preziose acque radioattive. Quest'ultima isola in particolare meriterebbe di essere fornita di uno stabilimento, attrez­zato secondo moderni criteri. Finora le acque e i fanghi, sfruttati con sistemi primordiali, hanno dato sempre ottimi risultati.

Oltre che nelle affezioni delle ar­ticolarizioni le acque e i fanghi di Vulcano riescono molto efficaci nel­le nevralgie e nevriti, nelle affezioni vasali, nelle flebiti e ulcere vari­cose, nelle malattie dell'apparato genitale femminile e nelle affezioni dermatologiche.
Per Vulcano, trattandosi di fanghi vulcanici naturali ad alto contenuto di radonio e anche di acque termali, il criterio della scelta dal pun­to di vista dell'attività curativa può considerarsi esclusivo.

Le acque termali di S. Calogero, famose anche durante l'Impero di Roma, come c'informa Diodoro Siculo, sono state esaltate in ogni epoca. Il Pirro, il Chirone, il Corti, lo Strazzulla, il Mercalli e altri se ne occupano nei loro scritti e sono tutti concordi nel classificarle tra le migliori d'Italia.
Si tratta di acque salso-solfato­bicarbonato-sodiche-ipertermali (60°C). Esiste una grotta sudatoria di costruzione romana.
Inoltre queste acque sono state prescritte ed elogiate da alte auto­rità della scienza medica quali il Cardarelli, il Tomaselli, il Paolucci e il D'Arrigo.
Ma il saggio migliore della loro eccezionale bontà è fornito ogni anno dalla repentina guarigione di infermi che, prima di sperimentare le acque eoliane, invano si erano rivolti ad altri stabilimenti termali.

Le Isole Eolie, nominate patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, sono meta ogni anno di un turismo d’elite e non solo, e sono perfettamente in grado di soddisfare le esigenze più disparate dei viaggiatori che in vacanza cercano talvolta pace, mare cristallino, profumi inebrianti e buona tavola e talvolta invece la classica “movida” estiva.
Queste sette sorelle sono infatti, piene di sorprese e di contrasti e non possono che lasciare una traccia indelebile nei ricordi dei fortunati turisti in visita.
Iniziamo quindi questo viaggio immaginario cercando di scoperchiare questo vaso di Pandora, pregustando il momento di visitarle di persona. 
 

VULCANO
(Superficie: 21 Kmq.)

Vulcano, l'antica Hierà (sacra), Thermessa o Terasia; è un'isola molto interessante per i suoi svaria­ti fenomeni vulcanici e post­vulcanici. La caratteristica peculia­re di Vulcano è costituita da un al­tipiano, il più vasto delle Eolie, for­mato di lave, banchi di tufi, deposi­ti quaternari e solcato da profondi valloni. È cinto da colline ondulate e nude, che digradano verso il ma­re. Sulle alte pendici dell'isola, il pa­norama si presenta pittoresco e sel­vaggio: dicchi si alternano a este­se zone di tufi e di arene.
Il giro di circumnavigazione di Vulcano è un susseguirsi di fanta­stiche visioni famose per varietà e bellezza di scenari.

L'isola di Vulcano è formata da cinque edifici vulcanici che, salda­ti insieme, hanno dato origine all'at­tuale isola. Il più ampio di questi edifici è quello del «Piano» o come altri lo definiscono «Vulcano Vec­chio». Questo antico vulcano occu­pa la parte sud orientale dell'isola.

I crateri che si osservano sulla ci­ma di M. Aria (m. 499) e di M. Sa­raceno (m. 481) sono spenti da epo­ca preistorica. L'attività eruttiva del cratere della Fossa fu intensa, con intermittenze più o meno lunghe, sin dai primordi deWepoca storica; Tucidice verst> la fine del V sec. a.C. ci fornisce le prime notizie. Nella seconda metà del IV sec. a.C. sembra che questo vulcano abbia dato luogo a una forte attività esplo­siva e nei secoli successivi nume­rose sono state le eruzioni di cui abbiamo notizie. Nel 1771 si ebbe una intensa attività durante la quale venne emessa la colata di ossidiana riolitica detta Pietre Cotte, che si osserva sul" versante nord-ovest.

Il più recente periodo di attività ebbe inizio il 3 agosto 1888 e ces­sò il 22 marzo 1890. Durante que­sta fase eruttiva avvenne una emis­sione di materiale antico e coevo di grandi dimensioni e lancio di proiet­ti che vennero denominati bombe a «crosta di pane».
Da tale epoca Vulcano è rimasto in fase fumarolica che si limita al cono della Fossa e all'interno del suo cratere.
Dal 1913 al 1923, dalle fumarole della parte esterna del cono, avven­nero quattro abbondanti emissioni di zolfo liquido.
Presso i faraglion del Porto di Levante si riscontra un'altra zona fu­marolica, tra gli avanzi d'un antico edificio vulcanico, in massima par­te smantellato.
Nel 1915, sul contorno d'una co­lata lavica, a Lentia, si erano forma­te altre fumarole ch'ebbero vita ef­fimera.
Anche nei tre imbuti craterici di Vulcanello, fino al secolo scorso, si manifestò un'attività solfatarica, og­gi del tutto estinta.

Nella zona fumarolica del Porto di Levante si verificano interessanti fenomeni. In alcuni settori il terre­no è ricoperto da uno strato silico­gessoso fratturato da sottili spiragli. Nel punto d'inserzione, s'inna.lzano piccoli coni dal vertice dei quali i gas escono sibilando forteme'nte. In quei paraggi è una distesa acqui­trinosa dove spesso il fango viene lanciato in alto dai gas sprigionan­tesi con irruenza.
Nei mesi estivi il suolo si riveste di una bella e varia colorazione. Si tratta di efflorescenze (sublimazio­ni fumaroliche) a solfato di ferro e di alluminio trasudate dal terreno. Tali formazioni scompaiono con le precipitazioni.

Attorno ai faraglioni e dinanzi al­la spiaggia si verifica il tipico feno­meno del gorgoglio dell'acqua pro­vocato da fumarole submarine. Sul fondo si scorgono vasti depositi di zolfo colloidale sotto forma di esili filamenti fioccosi, che conferiscono al mare un aspetto lattiginoso. Il gas, erompendo, genera sulla su­perficie marina innumerevoli bolle. Il fenomeno si può osservare molto bene, dall'alto dei faraglioni, quando il mare è calmo.

All'inizio del secolo scorso, il ge­nerale borbonico Nunziante creò a Vulcano l'industria per l'estrazione dello zolfo e dell'allume con buona attrezzatura di strade e di fabbriche.
Nella seconda metà del secolo, lo scozzese Stevenson acquistò tut­ta l'isola e continuò l'opera del suo predecessore con criteri razionali. Una mulattiera si spingeva dentro la grande voragine craterica, dove vennero anche ricostruiti ricoveri in muratura per gli operai. L'ultima formidabile esplosione lanciò tutto per aria.
Presso il porto sgorga una sor­gente termale chiamata Acqua di Bagno. Cospicua è la potenza te­rapeutica di queste acque.
Nel settore turistico Vulcano ha assunto una funzione di primo piano.
Lungo la riviera di ponente, la più incantevole insenatura del!' Arcipe­lago, sono sorti esercizi alberghieri dotati di ogni comfort.
Vulcanello (m. 124), sorto dal ma­re nel 183 a.C. da una eruzione sot­tomarina, forma una penisoletta e si compone di tre crateri impiantati su di una alternanza di lava e pro­dotti piroclastici.
Nella parte orientale, per la erosione degli agenti marini e atmosfe­rici, si può osservare una interes­sante sezione mostrante come è costituito un cono vulcanico: suc­cessioni di colate di lava e strati di materiali piroclastici.
 

LIPARI
(Superficie: 37,6 Kmq.)

Lipari, l'antica Meligunte, è l'iso­la maggiore dell'Arcipelago, nota un giorno quale emporio dell'ossi­diana e rinomata oggi come il mas­simo emporio della pomice.
Lipari per dolcezza di clima e se­renità di cielo d'inverno si presen­ta come ideale stazione climatica e d'estate come ricercato soggiorno balneare e di diporti nautici. Que­st'isola è centro di escursioni indi­menticabili per il fascino dei suoi paesaggi. Interessante l'escursione a Quattrocchi da dove si ammira­no, tra una molteplice varietà di tin­te, come in una visione di sogno, pittoresche insenature dalle coste alte e faraglioni dalle forme slancia­te, che si riflettono sul male. Sullo sfondo, con parvenze evanescen­ti, si leva, dalla distesa marina, la fumante Vulcano, che chiude l'in­cantevole spettacolo.
Consigliabile l'ascensione al M. Pelato, da dove si osservano il Campo Bianco (immensa, strana voragine candida come la neve) e le colate di ossidiana di Sparanello e di Rocche Rosse.
Anche interessante è l'ascensione alla frazione di Quattrocchi e al­le coste di Mezzacaruso, dove si aprono allo sguardo paesaggi im­ponenti: costoni striati con tinte rossastre e giallognole, che scendono verso il mare con precipizi.

Di alto interesse turistico è il giro in barca attorno a Lipari. Si succe­dono, l'un dopo l'altro, episodi pit­torici che compongono un insieme di grande varietà e bellezza: profon­de grotte, amene spiagge, alte co­ste, ampie baie, scogli traforati, pic­coli seni ed erte, selvagge rupi.

Il centro più importante è Lipari.
La cittadina in parte si estende lun­go le due pittoresche insenature di Marina Lunga e di Marina Corta e in parte è appollaiata attorno al suo Castello (sec. XVI), l'antica acropo­li, che si erge maestoso, su alta roc­cia di lava liparitica, con titanici ba­stioni cinquecenteschi strampio­banti sul mare.

Dalle indagini degli studiosi risul­ta che il Castello fu sede della città preistorica e, successivamente, di quella greca, notevole per gli impo­nenti templi di Eolo e di Efesto.
Ancora oggi si osservano la tor­re greca e l'ingresso medioevale con volte e archi a ogiva in cui so­no murati frammenti architettonici dell'età classica. Sul Castello si ammirano la Chiesa dell'Addolorata dallo schema architettonico bizan­tino e la superba Cattedrale nor­manna ricostruita nel 1654. Tra le opere d'arte, di cui mena vanto, so­no degni di rilievo un'Addolorata e altri dipinti di Girolamo Alibrandi. Sul fianco destro della Cattedrale si vedono cospicui avanzi del palaz­zo vescovi le normanno.
A Lipari, nel giardino della casa Esposito, in via Garibaldi, si ammi­ra una bella statua acefala, rappre­sentante una figura muliebre avvol­ta in una chitone. Pare che si tratti di scultura romana risalente ali se­colo d.C.

A tergo di Lipari, dalla contrada Santa Lucia attraverso Diana, San­t'Anna e fino a Portinenti si esten­de la necropoli greca e romana. Le tombe si addensano soprattutto a Diana.
In questa contrada essa si so­vrappone ad un vasto insediamen­to preistorico fiorito dalla fine del neolitico medio alla prima età del bronzo, ma nel quale la massima intensità di vita si è avuta nel neoli­tico superiore, in quella fase cultu­rale cioè che in tutta l'Italia è oggi designata con il nome di essa (cultura di Diana).
La necropoli classica è una del­le più ricche della Sicilia. In que­st'ultimo ventennio scavi sistema­tici hanno recuperato i corredi di oltre 1300 tombe, ora esposti nel Mu­seo Eoliano.

Le più antiche risalgono al VI sec. a.C., ai decenni successivi al­la fondazione della Lipara greca, e presentano ceramiche corinzie, at­tiche a vernice nera e di altre fab­briche della Grecia.
Particolarmente ricche le tombe del V, del IV e degli inizi del 111 se­colo a.C. ad inumazione con sarco­fago di terracotta, di mattoni crudi o di pietra oppure a cremazione, in alcune delle quali sono stati rinve­nuti grandi crateri e altri vasi figu­rati dello stile a figure rosse o dello stile detto di Gnathia e pregevolis­sime terracotte figurate di cui par­ticolarmente importanti quelle di ar­gomento teatrale. Più povere e qua­si sempre a cappuccina di tegole le tombe dell'avanzato ellenismo, successive alla distruzione del 251 a.C.
Le tombe di età romana (I sec. a.C. - Il sec. d.C.) sono ricche di bronzi, di vetri, di lucerne figurate.

Nell'area della necropoli e precisa­mente agli inizi della rotabile per Piano Conte, nei presi del plesso scolastico sono due grandi ipogei funerari di età imperiale romana (Il sec. a.C.) e almeno un altro analo­go è nel terreno della mensa vesco­vile dove sono anche resti di altri monumenti funerari più tardi (IV-V sec. d.C.).
La necropoli si estendeva al di fuori dell'area urbana della città an­tica, la quale non superava di mol­to l'estensione quella attuale, co­me dimostra la recente scoperta delle mura urbiche del IV sec. a.C. che sono attualmente in corso di scavo.
Nella Chiesetta di S. Nicola, ol­tre Portinenti, si osserva un archi­trave costituito da un frammento ar­chitettonico di età classica. Ivi è ve­nuto alla luce un'ipogeo simile a quelli scoperti a Diana.

A Piano Conte, esteso pianoro disseminato di case coloniche, so­no state trovate asce, accette di pietra lavica e cuspidi scheggiate, della tarda età neolitica e delle pri­me fasi dell'età dei metalli.
Presso le Terme di S. Calogero, si vedevano nel XVIII secolo i resti di edifici e i frammenti di colonne romane.
Nella località denominata la Bru­ca, sono stati rinvenuti vasi, cioto­le a figure fittili dell'evo greco.

Antiche ceramiche sono state scoperte nella zona chiamata Palmeto.
Lipari è l'isola più complessa dal punto di vista geologico e vulcano­logico; in epoca storica non ha da­to parossismi vulcanici ma solo at­tività post-vulcaniche ad esclusione di qualche zona di deposito quater­nario e alluvionale. Si riscontrano 12 apparati vulcanici riferibili ai se­guenti tre tipi differenti: Vulcani del tipo Fossa delle Felci; Vulcani del tipo Monte Guardia; Vulcani del tipo Monte Pelato.

Le manifestazioni endogene, che si riscontrano consistono in fuma­role, solfatare e sorgenti termali. Le più importanti fumarole sono quel­le di Bagnosecco; sorgenti termali sono state notate presso Bagnicel­lo, alle Fontanelle, alle Pietre di Fuardo ma le più importanti sono quelle di S. Calogero e quelle che sgorgano a valle di Castelilaro ed in prossimità del Porto (Pignataro).

Le acque di S. Calogero sono state utilizzate per fini terapeutici da epoca immemorabile rivelando­si sempre si somma efficacia. Ac­canto alla sorgente s'innalzano una grotta sudatoria, la «stufa», di co­struzione romana e uno stabilimen­to di bagni e di fanghi eretto nel 1867.
L'analisi delle acque venne ese­guita per la prima volta dal!' Arrosto ne 1872; successivamente dal Ga­bella (1907) e infine dall'lrrera e dal Labruto (1933). Questi ultimi le classificarono tra quelle iperterma­li, salso-solfato-bicarbonatosodiche con temperatura oscillante sui 60°C.

Sulla vetta del Monte S. Angelo (m. 594), del Monte Pelato e del Monte Guardia (m. 369) si osservano vo­ragini crateriche esistenti fin dalle ere preistoriche. Il vulcano che si trova allo stato di quiescenza, da epoca meno remota, è, secondo le ipotesi più attendibili, quello vicino al Monte Pelato. La vasta cavità si presenta slabbrata a nord-est, ver­so il mare. In questa direzione si snoda, quale strano fiume di pietra, la enorme colata di ossidiana di Rocche Rosse, tipica per i contor­ni frastagliati, per gli strani riverbe­ri e per i profondi crepacci, che le conferiscono un aspetto quasi in­fernale.

Durante l'ultima manifestazione eruttiva del Monte Pelato avvenne la proiezione delle celebri bombe ve­trose e anche allora, con ogni pro­babilità, ebbe luogo l'abbondante emissione di pomice, che rende tut­tora la zona nord-est di Lipari bian­cheggiante come se fosse coperta da un manto di neve.
La candida montagna è trafora­ta in tutti i sensi da profonde galle­rie, che si intersecano recipro­camente.
La pomice viene lavorata negli stabilimenti di Acquacalda, alle fal­de del Monte Chirica, e in quelli di Canneto.
I giacimenti pomiciferi di Lipari si estendono complessivamente per circa 8,4 kmq. pari al 22,4% della sua superficie. La pomice è un pro­dotto vulcanico di magmi acidi e la sua massa è molto bollosa e leggera.

 

Altre schede sulle Isole Eolie collegate:

  1. Panarea, Stromboli e Strombolicchio

  2. Salina, Filicudi e Alicudi


Galleria immagini Galleria immagini: Vulcano e Lipari

Vulcano fanghi Lipari pomice Vulcano il mare
Lipari la grotta degli angeli Lipari la citta vista dal alto Al bagno di zolfo vulcano
Cava di petra pomice a lipari nelle isole eolie Lipari la grotta degli angeli Lipari e la malvasia
Vulcano il bagno di zolfo Lipari negozio tipico marina corta Vulcano particolare
Vulcano mappa dell isola Castello di lipari Vulcano sabbie nere
Lipari mappa dell isola Vulcano il gran cratere Lipari la costa turchese







La pagina ha impiegato 0.0118 secondi