Inserzionisti
E-mail
Password





Sei in: Home Page Informazioni sulla Sicilia LocalitÓ turistiche Pozzallo

Pozzallo

Stampa questa pagina Elenco: LocalitÓ turistiche

Meravigliosa localitÓ balneare ma anche luogo ricco di storia e cultura

LocalitÓ turistiche: Pozzallo

Pozzallo, il Comune costiero della provincia di Ragusa, conosciuto per le sue ampie e dorate spiagge e il mare limpido e pulito, offre molto di più ai visitatori che intendono lasciarsi travolgere dai luoghi che trasmettono il fascino delle sue memorie.

Le origini di Pozzallo si fondano infatti sul rapporto con il mare e proprio sulle risorse marittime Pozzallo sviluppa, ancora oggi, la sua economia. Ne costituisce prova il grande porto, potenziato nell'ultimo decennio, punto strategico del Mediterraneo, che permette la valorizza zio ne del territorio e degli scambi commerciali, ma anche dei flussi turistici che collegano l'isola a Malta. Facendo una passeggiata per il paese è possibile leggere nel territorio le testimonianze delle radici e la cultura della zona.
Lambita dal mare, Torre-Palazzo Cabrera domina il paese ed è simbolo di Pozzallo. Il più importante ed imponente monumento, negli anni, è stato protagonista di molti cambiamenti e ancora oggi si stanno svolgendo interventi di restauro che hanno avviato un vivace dibattito tra gli storici locali. La Torre-Palazzo Cabrera è il monumento su cui ruota l'importanza storica di Pozzallo. Costruito intorno al Quattrocento, in un primo momento come residenza estiva del Conte di Modica Bernardo Cabrera, assunse successivamente il compito di difendere il Caricatore, i magazzini colmi di grano proveniente dalla Contea di Modica, dalla pirateria allora operante. Con il Caricatore, ovvero il complesso di magazzini, pontili e scivoli per l'imbarco di merce sui velieri, Pozzallo diventò uno degli scali più attivi dell'isola e per la sua importanza fu considerato il secondo Caricatore della Sicilia.

La Torre-Palazzo Cabrera è oggi collegata alla zona del Cari­catore da una passerella in legno, costruita sul mare. La pas­serella permette .di accedere alla Zarbatana, la zona in cui si trovavano i vasti magazzini costituiti nel XVIII secolo, rimo­dernati e diventati oggi sede di attività commerciali molto fio­renti poiché si trova nei pressi di uno dei punti nevralgici del­la città, ovvero Piazza delle Rimembranze. Una piazza molto spaziosa a cui fanno da cornice tre edifici in stile liberty - Pa­lazzo Pandolfi, Palazzo Giunta e Palazzo Musso - che qualifi­cano il centro storico e sono il segno tangibile del potere del­le famiglie locali che nel Novecento hanno contrassegnato la storia del paese. Le abitazioni delle famiglie borghesi, che si arricchirono a Pozzallo grazie ai traffici commerciali del granò provenienti della contea di Modica, non sono gli unici edifici che raccontano della storia del piccolo paesino, della società e della vita della comunità pozzallese. Nelle vicinanze della Tor­re, alle spalle della piazza centrale, si trova la Vanedda Vicci, una borgata dal grande fascino che rappresenta il primo agglomerato urbano di Pozzallo.

La zona antica del paese è unica nel suo genere e ancora oggi, percorrendo le sue stradine, è possibile immaginare scene e usi che riecheggiano dal passato. Nei vicoli stretti un tempo trovavano luogo le prime botteghe alimentari per la vendita di farina, cereali, olio, vino e sale autorizzate dal Governatore della Contea per facilitare l'approvigionamento della popolazione che allora era costituita principalmente da marinai e funzionari civili che operavano nel Caricatore. Casette basse, unite le une alle altre, che for­mano piccole viuzze che s'incrocia­no, si restringono e si allargano, creando affascinanti scorci. La Va­nedda Vicci è il luogo ideale in cui, spesso, trovano spazio le rappresen­tazioni dei presepi natalizi.

Nella parte Nord della zona antica di Pozzallo, nelle vicinanze della Chie­sa Madre, è possibile vedere la casa che diede i natali à Giorgio La Pira, il più illustre cittadino pozzallese. "Sin­daco santo", uomo politico e giurista di grande valore, personalità di pun­ta del mondo cattolico e prestigioso sindaco di Firenze, di La Pira, a Pozzallo, è possibile percorrere i principali luoghi dei primi anni di vita: dalla fonte battesimale nella chiesa "Madonna del Ro­sario" al "museo familiare", che può essere visitato su preno­tazione (per informazioni ci si può rivolgere alla Pro Loco di Pozzallo, tel. 0932/797220).

A Giorgio La Pira, nel 1979, con un'elegante cerimonia, è stato intitolato il Municipio, un edificio che presenta una facciata geometricamente per­fetta e chiusa a "U" dai prospetti laterali che gli conferi­scono una linea armonica ed elegante. Costruito nel 1926 sulla scogliera del Caricatore ad opera del marche­se Corrado Tedeschi, il Palazzo di Città è oggi stretto ai fianchi dalla splendida Villa Comunale.

Nelle tappe del viaggio fra le peculiarità che ricostruiscono il passato di Pozzallo non si può tralasciare la Villa Tedeschi, risa­lente alla fine del XIX secolo e residenza proprio della famiglia dei marchesi Rizzone Tedeschi. Sulla sua faccia­ta principale si aprono nove grandi finestre con caratte­ri stilistici di fine Ottocento e i saloni interni, decorati con stucchi e fregi vari, confermano il tono aristocratico della famiglia. Dall'insieme architettonico di Villa Tede­schi, un tempo, era possibile vedere il mare, mentre og­gi è quasi soffocato dalla crescente espansione edilizia. La storia e il vissuto di Pozzallo narrato dalle sue strade, dai suoi edifici e dalle onde del mare che lo collegano a diverse culture, parlano di un paese carico di richiami in­teressanti da vedere e scoprire in ogni suo angolo.


Galleria immagini Galleria immagini: Pozzallo

Villa tedeschi comune di pozzallo Torre palazzo cabrera a pozzallo Lungomare pietrenere di pozzallo







La pagina ha impiegato 0.0141 secondi