Inserzionisti
E-mail
Password





Sei in: Home Page Informazioni sulla Sicilia La cucina siciliana

La cucina siciliana

Arte dolciaria siciliana

La cucina è l’amalgama perfetto delle influenze delle diverse culture che sull’Isola si sono avvicendate.
Più che un giacimento culturale, è il tratto più resistente di una cultura. La tavola, rimane, il luogo d’introspezione delle diverse civiltà che sono passate sull’isola. Un piacere antico, se già Platone, ospite a Siracusa, criticò quei cittadini rei, ai suoi occhi, “di mettersi a tavola più volte al giorno”.

Cucina siciliana?
Ce ne sono tre: la patrizia o baronale, quella popolare o di reinvenzione spiritosa e quella di strada o dei “buffittieri”, come si chiamavano un tempo, derivando l’appellativo dal francese “buffet”.

Una enorme ricchezza e varietà di piatti giacché ogni città, paese, famiglia ha sempre avuto una sua interpretazione di ogni ricetta, conseguenza dello spiccato individualismo isolano. Mentre i “Monsù”, i cuochi delle grandi Famiglie, celebravano nei Palazzi, cernie e sogliole, lepri e capponi, a quelli di sotto arrivavano gli odori o le descrizioni meravigliose fatte dalla servitù. Con fantasia e ingegno quei piatti furono reinventati con ingredienti spesso miserabili. Le sarde, diliscate, assursero al rango di sogliole, “lenguado” nello spagnolo dei nobili, era la sogliola. Nacquero così le sarde “a linguata”. Opportunamente acconciate diventarono pure “beccafichi”, uccelletti simili alle capinere che i “Monsù” servivano in bellavista. Si travestirono le melanzane da “quaglie” e pure da “parmiciana” che in dialetto è la persiana. Nulla a che vedere con Parma ed il suo cacio. E sempre con la melanzana nacque la regina della cucina popolare, la “caponata” in una salsa agrodolce, originaria della cucina di corte della Persia preislamica.

Vi consigliamo vivamente di visitare questo sito web: www.saporiesaperidisicilia.it 

"Saperi e Sapori di Sicilia" è un itinerario enogastronomico a spasso per le aree protette siciliane, siano essi dei Parchi Regionali, delle Aree Protette o delle Riserve Naturali.

Un vero e proprio viaggio, con un itinerario scandito da eventi storici o ricorrenti, nella cultura e negli usi gastronomici locali e nei prodotti tipici, guidati dalla mano sapiente di Enzo Raneri.








La pagina ha impiegato 0.0912 secondi